comiso



Oh chi pena a lu to cori,
 

http://comiso2.altervista.org

Foru, o Virgini Maria,
Di lu Vecchiu ddi paroli,
Quannu in braccia a Ges¨ avia


O Maria
fonti d'amuri


comisani@libero.it





MUSICHE. COMISANE
del 21║ secolo








COLLEGAMENTI

- RELIGIOSIT└ POPOLARE

- LETTERE E MESSAGGI

- VECCHIE IMMAGINI

 


O Maria fonti d'amuri

Nel libro CASMENE DEVOTA (pubblicato nel 1881) a pag. 13 si legge: "Nel Venerdý di Passione (la Chiesa parrocchiale di S. Maria delle Stelle) solennizza la festa di nostra Signora Addolorata, celebrandone con gran pompa il settenario musicato dal Maestro Messineo. Stabilita giusta il Reale Rescritto del 18 marzo 1846".
Il Maestro Messineo, palermitano, nel 1862 era stato chiamato a Comiso dal sindaco Emanuele Calogero per fondare e dirigere la Banda Musicale, che inizialmente era composta da 32 elementi.

Dal 1910 la festa di Maria SS. Addolorata si svolge la terza domenica di maggio ed Ŕ preceduta da un Settenario di preparazione, duranta il quale viene ancora cantato e recitato il Settenario musicato dal maestro Messineo. Si precisa che il maestro Messineo aveva musicato solamente le sette strofe del Settenario, nelle quali vengono descritte le "spade" che hanno trafitto il cuore della Madre del Signore.

In questa pagina si riporta il testo del Settenario tratto dal libro CASMENE DEVOTA.

In sottofondo si pu˛ ascoltare la musica del canto
O MARIA FONTI D'AMURI (composta nel 2012) il cui testo si legge alla fine del Settenario.




novenario


Settenario di
Maria SS. Addolorata



I

Oh! chi pena a lu to' cori
Foru, o Virgini Maria,
Di lu Vecchiu ddi paroli,
Quannu in braccia Ges¨ avýa:
"Ssu to' Figgiu tantu beddu
Ti sarÓ com' un cuteddu".
Chista fu la prima spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


II

Quali pena t'ebbi a dari
Quannu Erodi ittÓu li banni,
Chi s'avissiru ammazzari
Li bambini 'nfra dui anni;
Bisugnasti iri n' Egittu
Cu to' Figgiu binidittu.
Chista fu l'autra spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


III

Matri afflitta, comu torni
Si pirdisti lu to' amuri?!
L'hai circatu pri tri giorni
Ccu gran pena e ccu duluri;
Lu truvasti ne' lu tempiu,
Unni dava un gran esempiu.
Chista fu la terza spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


IV

Quali affannu nun pruvasti,
O gran Virgini Maria,
Quannu a Cristu tu 'ncuntrasti,
Chi la cruci 'n coddu avia?!
Ci vulivi dari aiutu,
Ma ti vinni proibutu.
Chista fu la quarta spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


V

Comu avisti a suppurtari,
Quannu alzasti lu to' giggiu,
E vidisti agonizzari
Supra un lignu lu to' Figgiu:
Tuttu afflittu e laciratu,
Dannu sangu d'ogni latu.
Chista fu la quinta spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


VI

Morý un Diu Verbu 'ncarnatu
Pri salvari i peccaturi:
GiÓ si ci apri lu custatu
Pri l'eccessu di l'amuri.
Matri, avisti tu a vidiri
Ges¨ mortu anchi patýri.
Chista fu la sesta spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


VII

Ma Ges¨ nun ha figura
Ed in senu ti Ŕ purtatu:
Cui ci duna sepultura
Se un latru Ŕ riputatu?!
Bisugnasti anchi patiri
Pri pui farlu sippilliri.
Chista fu l'ultima spata,
O gran Matri Addulurata.

Pater, Ave, Gloria

Ssa to' spata e ssu duluri,
Chi pruvasti accussi forti,
Dallu a mia nell'ultimi uri
D'agonia nella mia morti.


OFFERTA

O Maria fonti di amuri,
Accittati sta curuna
Di li vostri gran duluri,
Chi pruvÓstivu in pirsuna.
Cui ntra vizi stÓ 'nfangatu
Morti e peni a Cristu duna:
Ma lu vostru Figgiu amatu
Pri vui sula ni pirduna.
Piccaturi sugnu statu,
Ma sugnu ora un piccaturi,
Chi detestu lu piccatu
E li miei chi¨ grandi erruri.
Di lu vostru affannu e chiantu,
Di lu vostru gran duluri,
Matri mia, ni voggiu tantu
Quantu chianciu li miei erruri.
Pui mutatu in sonu e cantu,
Ed in festa e gioia e risu,
Purtir˛ cun mia lu vantu
Per andari in paradisu.
Ma pri guida iu vioggiu e bramu
Chista vostra acuta spata,
Matri e Figgiu aduru e amu,
Bedda Matri Addulurata.


Cara Matri Addulurata,
Di duluri trapassata,
Trapassati st' arma mia
Sin' all' ultima agunýa.




ELENCO DEI CANTI

Canti con testi antichi

- Ges¨ miu
-
O chi pena
-
Matri di lu Lumi
-
Ssa to spata
-
O Maria fonti di amuri
-
Bedda Matri Annunziata
-
Fusti afflittu
-
San Giuseppi
- Natu giÓ


-
Maruzza lavava
-
Era stancu
-
Maria passava
-
Alluvioni r˘ 1745

Canti con testi moderni

- Patri nuostru
-
San Milasi
-
Stapýa la Matri
- Ninna nanna
-
Ninna nanna ri Natali
-
Annunciazzioni


CANTI DEDICATI ALLA MADONNA
con i vari titoli con cui a Comiso Ŕ o Ŕ stata venerata



per tornare all'inizio della pagina